Lo “Spuntino Sardo”: Una genuina festa della cucina sarda

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Domenica scorsa l’Associazione Culturale e sociale Sarda di Sydney ha organizzato uno “Spuntino Sardo” presso il ristorante “Rustico Sardo”, al quale hanno preso parte oltre 120 persone.

Occorre fare una premessa necessaria per spiegare il significato dello “Spuntino Sardo”. In tutte le altre regioni italiane uno spuntino significa probabilmente un picnic, un panino al prosciutto e una birra o magari una piadina con lo stracchino. In Sardegna invece, quando vieni invitato ad uno “spuntino”, è meglio prima di tutto prepararsi con un bel ritiro spirituale di una settimana. Devi allenare corpo e anima per vivere in pieno l’evento e soprattutto devi essere in grado di uscirne vincitore!

Ebbene, lo spuntino in questione ha avuto tutto i requisiti obbligatori: tanto da mangiare e tutto genuinamente frutto della cucina sarda, anche grazie alla bravura della chef sassarese Sarah Ferrari che ha presentato un menu che è utile descrivere anche a beneficio di quegli sfortunati sessanta che, malgrado le sollecitazioni, non hanno trovato posto.

Il menu prevedeva aperitivi ed antipasti con pecorino e salsiccia sarda, zuppetta di cozze, insalata di granchio alla catalana, Malloreddus alla campinadese, il porcetto con le patate, insalata, seadas, caffè e mirto.

Tanti gli “stranieri” che hanno preso parte all’evento: libanesi, britannici ed asiatici hanno potutoscoprire una cucina che, se ha avuto nel “porcetto” il suo piatto forte (con tanto di gli applausi quando ha fatto la sua comparsa sui tavoli), è stato in grado di accontentare anche i palati più difficili. Le intenzioni del Circolo Sardo di Sydney erano quelle di far apprezzare una cucina regionale capace di affascinare nella sua continua varietà: obiettivo raggiunto in pieno, almeno a stare ai commenti di tutti i commensali al termine della giornata.

Un siparietto merita l’intervento della presidente del Circolo, Teresa Spada. Dopo aver ringraziato tutti i presenti e il personale del ristorante, ha annunciato la nomina per il 2015 di un Socio a Vita: il riconoscimento è stato per Pietro Schirru, attuale componente del direttivo e che ricopre anche la carica di Consultore dei Circoli Sardi in Australia presso gli organi regionali.

Il Direttivo del Circolo anticipa sin da ora che organizzerà quanto prima un’altra manifestazione del genere ed invita a partecipare, prima di tutto, coloro che non hanno potuto farlo questa volta. In conclusione: preparate “corpo e anima” per un altro spuntino.

Leave a Reply