Category Archives: News

Petition to approve the .srd (Sardinia) Internet suffix

Please read below petition promoted by Andrea Maccis to approve the Internet suffix .srd as identifier of Sardinia.

Nowadays, many communities (cultural and of interest) in Europe and around the world have their own gTLD (generic Top Level Domain) that allows them to strengthen their Internet presence, to increase the value of their local products, finally grouped under a specific local brand, and to revive their linguistic minorities, thanks to the power of the Internet.

It is time for the Internet too, to have its own piece of Sardinia and that the Sardinian community (Sardinian people and those who are fond of this island) finds its own place on the Internet: the domain .srd

Please sign the petition through Change.org.

Nurnet and Archeologia della Sardegna brought statues back to Sardinia

The Participatory Nurnet Foundation (Nuraghi Network) and the Facebook group Archeologia della Sardegna brought back to Sardinia four ancient bronze manufacts, representing animals, by collecting money from people (individuals and small associations) and purchasing them on an auction they had come to know about by coincidence. Quote:

It absolutely was an action which was due to look after and protect our History and big Civilization.

The small bronze statues date back to IX-VI Century B.C. and represent a horse, two goats and a ram. They belonged to the Lebanese Faride Ziade’s  antiquities collection.

At the auction, held in London on the 30th June by ACR Auctions, nine pieces were beaten including five animals, two priests, a warrior and a prayer. Quote:

We’ve uselessly tried to stop the shameless auction, signing a petition to the Minister for Ancient Heritage and Culture. Lots of people joined us and signed in, but the petition was ignored.

We felt, therefore, it was a duty, to us, to get involved into the auction and make our bids, as much as we could, supported by the offers, people had given to keep dignity and value to our History.

The Nurnet Foundation and the Archaeology of Sardinia Group have intended to do a symbolic gesture as a protection of our cultural heritage by bringing back at least some of our own antiquities to Sardinia. Quote:

The purpose of Nurnet, Archaeology of Sardinia and all the Facebook fans who have supported our action is now to donate the bronze animals to the museum of a small town, in order to rise up and up, as much as we can, consciousness and strenght to artistic and cultural Tourism.

We trust this to be a help to overcome the old dichotomy between Sardina itself as an island full of History and the common vision of Sardinia as an island just gifted by amazing crystal sea and beaches.

Actually, this is just a part of a more general strategy in order to operate and protect our huge cultural heritage and, at he same time, to promote small business and/or new starts up which have been, over last years, neglected or left alone by Institutions.

This decline and total absence is quite evident in the fact that none of the “institutions” or their members were present at the Auction. Nor they did anything to stop the auction, leaving the moral duty to “act and rush” to Nurnet shareholders and to enthusiastic Citizens in the private Facebook group “Archeologia della Sardegna”, people truly sensitive to enhancement for the territorial heritage.

Still, but not little, this first attempt aims, in perspective, to rise up collective actions from the grassroots, spread and give real high value to enhance the cultural and economic significance Sardinian history is worth.

Discover or Support Nurnet projects.

Tziu Giuliu, the Sardinian centenarian that rides bike

Tziu Giuliu (uncle Julius) is a 101 years old centenarian, that has spent most of his life riding his bike.

In Sardinia, the proportion of centenarians is three times that of Western countries. Other than genetics, it is believed that nutrition plays a key role in longevity.

Tziu Giuliu’s diet is based on the Sardinian cheeses, vegetables, fruit and home made wine. And despite the remarkable age, he wanders around the countryside with his beloved bike “Graziella”.

Città Ciclabile and FIAB (Federazione Italiana Amici della Bicicletta) participate with much pleasure to the celebrations of the centenary of Tziu Giuliu, nominated him a Honorary FIAB associate and presented him with a commemorative plaque.

We wish that the event is echoed by the national media because we feel that this gentle centenarian deserves it.

For further information, don’t miss the article on the Sardegna Live website.

Photo by Fabio Marras

Chanson Corse et Sarde: estratto dell’album di Paola et Thierry

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

I cantautori corsi Paola et Thierry hanno pubblicato il loro primo disco “Per Tè / Po Tui“, un incontro tra le lingue native di Corsica e Sardegna.

Con grande passione hanno composto i 9 brani dell’album in collaborazione con autori provenienti dalle due regioni. Il disco è stato pubblicato nell’agosto 2014 in Corsica e Sardegna.

Pubblichiamo di seguito un video-estratto dell’album.

Maggiori informazioni sulla pagina Facebook ufficiale.

Deus ti salvet Maria by Roberto Diana as a free download

Roberto Diana is a Sardinian guitarist and weissenborn player, nominated at the 12th Annual Independent Music Awards in 2013.

He plays pretty much anything and everything with strings, including acoustic and electric guitars, lap steel, dobro, weissenborn, banjo and bouzouki.

He released an instumental version of “Deus ti Salvet Maria” as a free digital download, available as:

Born and raised in Sardinia with rock and local music, Roberto moved to Milan at young age to work with Pietro Nobile and Donato Begotti.

He released his first solo record “Raighes Vol. 1” In September 2012, rated as one of the best instrumental album of the year by  acclaimed music magazines and webzines such as Mescalina.it, Buscadero, Akustik Gitarren, Guitar Club, The Real Roots Café and R2 among others.

He toured “Raighes Vol. 1 Solo Tour” in USA, Scotland, Luxembourg, UK, Galles, and Italy and also played at the world famous club Whisky a go go in Los Angeles.

Useful links:

La Donna Sarda, nuovo magazine sardo

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Il mondo delle donne è un libro infinito su cui scrivere ancora tante pagine e per farlo, un gruppo di imprenditrici sarde ha creato La Donna Sarda, un nuovo progetto che nasce in collaborazione con il quotidiano L’Unione Sarda.

Riportiamo di seguito un estratto dalla presentazione della rivista.

“L’idea di un periodico femminista che promuova il germoglio intellettuale della donna sarda, è ottimo e geniale.”

Era il luglio 1898 quando Maria Manca Colombo, una giovane di origini piemontesi, determinata e ambiziosa, presentava al pubblico il numero uno de “La donna sarda”: per la prima volta compariva a Cagliari un giornale per le donne, fatto dalle donne.

Dobbiamo immaginare un gruppo di amiche che lavorano sodo per dare vita a un mensile eclettico, talvolta segnato da testimonianze contraddittorie, ma interessato a sviscerare l’universo femminile, prendendo coscienza del mondo che cambia, affrontando le tematiche più spinose per una città ancora fortemente cattolica, monarchica e conformista, come era la Cagliari di fine ottocento.

Una redazione tutta al femminile, se escludiamo la collaborazione del maestro elementare gallurese, Andrea Pirodda, celato sotto il nome di Maria Xanta (sua madre), il quale si fece interprete delle esigenze delle donne più emancipate.

Con il passare del tempo trovano spazio anche alcune firme maschili, sebbene sempre in netta minoranza. Dal 1898 inizia una collaborazione autorevole: Grazia Deledda, il prototipo della donna culturalmente impegnata, è ospite a Cagliari di Maria Manca.

L’intraprendenza della direttrice guiderà il gruppo con entusiasmo fino alla svolta socialista del 1901: il giornale cambia veste, diventando un quindicinale completamente differente nei contenuti. Naufraga così l’impresa di Maria e la parola fine è definitivamente segnata dal cambio di direzione nel luglio dello stesso anno.

È passato più di un secolo da quel luglio 1898, ma ancora una volta tutto nasce da un gruppo di donne, desiderose di raccontare il proprio mondo, le proprie storie e la propria terra.

Anche questo è un progetto ambizioso che inizia a prendere forma un anno fa e ha raccolto, intorno ai tavoli di case, bar e locali, diverse donne, differenti tra loro, tutte speciali, uniche e indimenticabili.

Un anno di lavoro intenso trascorso tra i libri, riviste specializzate, siti giornalistici e gli occhi, insaziabili di sapere, rivolti a scoprire e inseguire un mondo in continuo mutamento: l’editoria e il giornalismo 2.0. È un lavoro di cuore, di squadra, di passione e di riscatto.

La Donna Sarda
La Donna Sarda

Vogliamo disegnare la nostra “Isola delle donne”, lasciando doverosamente uno spazio anche agli uomini, perché sappiamo bene, ahimè, di non poter vivere senza di loro. Vogliamo le chiacchiere di un frivolo pomeriggio tra amiche, esattamente come 116 anni fa voleva Maria Manca. Il nostro è un portale di informazione e intrattenimento, suddiviso in due blocchi principali: in primo piano c’è il magazine, con articoli corposi: storie raccontate con parole e immagini. Una sfida che lanciamo a noi stesse e alle lettrici: possono funzionare sul web i contenuti non esattamente mordi e fuggi? E poi trovano posto le rubriche tematiche, la sezione degli Esperti, le pagine ironiche e la pagina dei nostri video. A breve arriverà anche una Web TV.

Ci sono delle avventure, che nel più ampio significato del termine, possono trasformarsi in sogni che diventano realtà. Non accade solo nei film e questo portale ne è una degna testimonianza.

Se è vero che non si dovrebbe mai guardare la fatica fatta, nel valutare il proprio lavoro, lasciateci dire che siamo orgogliose di poter condividere con voi questo progetto.

Abbiamo il desiderio di dare voce a tutte le donne sarde che per diversi motivi o necessità hanno dovuto lasciare la loro terra natia. Abbiamo bisogno di tutte loro per conoscere e far conoscere il loro vivere, per eliminare le distanze o più semplicemente per crescere insieme, anche grazie al loro sguardo che ci vede da lontano, piccole, ma comunque vicine e unite da un valore che ci accomuna: l’amore per la nostra amata Sardegna.

Siamo qui, pronte a raccogliere i vostri scritti piuttosto che dei video in cui vi raccontate. Siamo qui pronte a dare spazio a tutte le Donne Semplici che, seppur lontane dalla nostra terra, si sentono a noi legate da un filo indissolubile che si chiama Sardità.

Seguiteci, leggeteci e scriveteci. Abbiamo bisogno di voi.

Il sito web è raggiungibile all’indirizzo www.ladonnasarda.it

La Fondazione Hymnos inaugura la sua sede a Santu Lussurgiu

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Sarà inaugurata sabato prossimo, 8 novembre 2014 alle 10, la sede della Fondazione Hymnos, “Rete territoriale del canto a più voci liturgico, paraliturgico e profano di Santu Lussurgiu”, in via Bonaria.

Fondazione Hymnos
Fondazione Hymnos

La sede di Hymnos è un’antica casa nobiliare, in stile palazzotto cittadino, appartenente alla famiglia Porcu. Donna Caterina fu l’ultima discendente della famiglia che vi abitò stabilmente. Rispettando l’assetto degli esterni e degli interni, scanditi in tre livelli, la casa presenta ancora i solai in tavolato e conserva la tipologia degli infissi interni, le originali ringhiere in ferro battuto e i gradini delle scale in ardesia. La casa ospita nel pianterreno una Biblioteca che sarà dedicata alla filologa romanza e musicologa, Emilie Dahnk Baroffio. Accoglie 12 mila volumi, un fondo di grande valore per gli studi, la ricerca e la documentazioni sulle tradizioni liturgiche e musicali del Mediterraneo e dell’Europa, principalmente riferite al Medio Evo. Sempre nel pianterreno oltre ad una suggestiva Cantina con la volta in pietra, si trova una Sala didattica con 60 poltroncine, destinata a convegni, lezioni, riunioni a fini didattici e formativi. Al primo piano, si trovano le Stanze dei Direttori Scientifici e del Presidente della Fondazione, il Laboratorio infromatico per la conservazione e il restauro digitale dei materiali sonori, mentre in un ampio ambiente, impreziosito da un arco in pietra locale, si trova il Percorso multimediale del canto a cuncordu, curato dal regista Francesco Casu e dall’etnomusicologo Marco Lutzu, costituito da diverse installazioni multimediali.

Gli info point con tecnologia touch screen forniscono notizie storiche sui comuni che fanno parte della Rete Hymnos (Santulussurgiu, Aggius, Aidomaggiore, Bortigali, Bonnanaro, Bosa, Castelsardo, Cuglieri, Galtellì, Ghilarza, Irgoli, Nughedu San Nicolò, Orosei, Scanu Montiferru, Sennariolo), oltre ad informazioni sui protagonisti e le occasione del canto “a cuncordu”, supportate da un apparato fotografico e la possibilità di ascoltare i principali canti legati alla paraliturgia della Settimana Santa e ai contesti profani

Saranno inoltre visionabili diversi documentari di taglio etnografico che raccontano le peculiarità della pratica del canto nei diversi paesi, la vita musicale dei cantori, le occasioni esecutive e le modalità di trasmissione del sapere tra le generazioni. La disponibilità di due poltrone con annesse cuffie e un dispositivo audio permettono di apprezzare con una fruizione comoda e confortevole i diversi generi del canto a cuncordu.

Un’ulteriore installazione permette di ascoltare i principali canti di Santu Lussurgiu in una forma nuova; il visitatore potrà infatti isolare le singole parti musicali, decidendo in qualunque momento quale delle quattro voci (bassu, contra, ‘oghe e contraltu) ascoltare o sovrapporre, immergendosi in una esperienza di ascolto allo stesso tempo utile dal punto di vista didattico e coinvolgente sul piano esperienziale.

Al secondo piano, in un ampio spazio con 80 poltrone e uno riservato con 20 poltroncine, arricchito da immagini della Settimana Santa, si apre la sala convegni, che sarà dedicata a Pietro Sassu, uno dei più importanti etnomusicologi sardi, destinata a convegni, incontri seminariali e workshop.

Il progetto di Rete territoriale nasce nel 2007, grazie ad un finanziamento regionale – legge 26 sulla tutela della cultura e della lingua sarda – è stato realizzato un cofanetto con due CD musicali + Book “Hymnos – Una rete per lo studio del canto a più voci fra oralità e scrittura”. Il volume contiene la presentazione del progetto Hymnos a cura di Emilio Chessa (sindaco di Santulussurgiu) e due saggi a cura di Giampaolo Mele, storico della musica dell’Università di Sassari e Ignazio Macchiarella, etnomusicologo dell’Università di Cagliari.

I due CD contengono le registrazioni dal vivo di 27 brani del repertorio paraliturgico, interpretati da 26 gruppi di cantori, che mettono in luce le diverse pratiche esecutive locali dei 14 comuni della Rete (Santulussurgiu, Aggius, Aidomaggiore, Bortigali, Bonnanaro, Bosa, Castelsardo, Cuglieri, Galtellì, Ghilarza, Irgoli, Nughedu San Nicolò, Orosei, Scanu Montiferru, Sennariolo). Con lo stesso finanziamento si è realizzato il sito web www.hymnos.sardegna.it con un ampio panorama descrittivo dei comuni e dei cantori della Rete.

Nel 2008 la Rete di comuni: Santulussurgiu (capofila), Aidomaggiore, Ghilarza, Sennariolo, Soddì e Tadasuni, partecipa e vince il bando Regionale “CIVIS” Rafforzamento dei centri minori – Rete Hymnos. Con le risorse messe a disposizione dalla Regione il comune di Santulussurgiu ha ristrutturato la casa di donna Caterina, attuale sede della Fondazione; i comuni di Aidomaggiore, Sennariolo e Ghilarza hanno realizzato le sedi locali di Hymnos. Con i fondi del Bando CIVIS destinati alla ricerca è stato realizzato un convegno nazionale sullo Stabat Mater, un’importante acquisizione contestuale – curata da un gruppo di giovani ricercatori dell’Università e del Conservatorio di Cagliari – di rituali della Settimana Santa, dove permane la pratica del canto a cuncordu e una serie di filmati di taglio etnografico sugli usi musicali locali, sui modi di fare musica nei diversi contesti sociali, curati da Marco Lutzu e Ignazio Macchiarella.

Nel 2009 il Comune stipula un’importante convenzione con il Prof. Giacomo Baroffio, uno dei maggiori specialisti al mondo di canto gregoriano e di musica liturgica, e la moglie Anastasia Kim, musicista. Un accordo che prevede la donazione alla Fondazione di un fondo librario di 12 mila volumi, di grande interesse e valore storico, che costituisce la dotazione della biblioteca della Fondazione, e di diversi e pregiati strumenti musicali. L’autore della monumentale opera “Iter Liturgicum Italicum” si è trasferito a Santulussurgiu e assumerà il ruolo di direttore della Biblioteca Hymnos, ubicata nella Sede della Fondazione.

Sempre in funzione del Progetto Hymnos, nel 2010 il comune di Santu Lussurgiu partecipa ad un bando della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Gioventù – coinvolgendo nella prima parte del progetto i comuni di Aggius, Bortigali, Bosa, Cuglieri, Irgoli, Nughedu S. Nicolò e Sennariolo, sul tema: Le radici e il futuro del canto a più voci nella tradizione popolare, producendo un documentario-intervista di taglio etnografico sui cantori degli otto comuni, sulla modalità di fare canto e sulla trasmissione del patrimonio musicale alle nuove generazioni, curato da Marco Lutzu e da un gruppo di ricercatori del Conservatorio e dell’Università di Cagliari.

Nascita della fondazione
L’11 agosto 2014 viene firmato, in comune, l’atto costitutivo della Fondazione Hymnos. Questa nuova Istituzione nasce da un’ idea dell’Amministrazione comunale di Santulussurgiu e dei cantori de su Cuncordu ‘e su Rosariu, sostenuta dall’apporto di etnomusicologi e storici della musica. Per il numero e la qualità delle persone coinvolte è sicuramente un evento culturale di grande importanza che travalica i confini sardi; una Fondazione con un’ossatura concettuale molto complessa, sia per le finalità scientifiche, che per la partecipazione di una pluralità di soci molto eterogenea. Si tratta, in realtà, di offrire un luogo giuridicamente definito, per lo studio, la ricerca dei fenomeni musicali e delle pratiche esecutive, ma soprattutto per analisi delle polifonie liturgiche e paraliturgiche con uno sguardo rivolto all’imponente mole di composizioni musicali scritte, attinenti alla vita religiosa.

In particolare, come recita lo statuto:

La Fondazione si articola in due sezioni: una sezione si occupa dei canti a più voci della tradizione orale liturgica, paraliturgica e profana, l’altra sezione della storia delle liturgie e della paleografia musicale medievale.

Seguendo queste due linee di ricerca, la Fondazione si propone di valorizzare, tutelare e conservare, sul piano della ricerca storica ed etnomusicologica, il patrimonio della tradizione musicale liturgica e paraliturgica e il repertorio della tradizione musicale a più voci profana della Sardegna e del bacino del Mediterraneo; nello stesso tempo, si propone di promuovere studi e ricerche sulla storia delle liturgie (riti, repertori musicali e libri liturgici), sul canto gregoriano, sulla musica medievale e rinascimentale e sulla paleografia musicale medievale.

La Fondazione è un evento importante per il mondo della cultura e della ricerca che potrà contare su una nuova Istituzione di partecipazione di diritto privato, per tutelare i beni culturali immateriali.

In questa nuova cornice giuridica i Cantori, le Associazioni Culturali, le Confraternite assumono un compito fondante e determinante, il loro ruolo di “Partecipanti Sostenitori” costituisce un riconoscimento per lo sforzo profuso in tanti anni per tutelare e custodire un patrimonio culturale di altissimo valore, per l’intera Sardegna. Il loro apporto sarà decisivo per disegnare le future azioni della Fondazione, altrettanto decisiva sarà la nomina dei Direttori Scientifici, figure indispensabili per programmare percorsi di studio e di ricerca sulle fonti orali e scritte, legati alla polivocalità religiosa.

Questo ambizioso progetto culturale è sicuramente uno dei più significativi progetti dell’Amministrazione Comunale di Santu Lussurgiu, destinato ad incidere sullo scenario culturale nazionale ed internazionale, grazie anche alla presenza del prof. Baroffio.

Il consiglio di amministrazione della Fondazione Hymnos
Il costituendo Consiglio di Amministrazione ha designato presidente Antonio Bellinzas, un intellettuale lussurgese che ha diretto per decenni il Centro Servizi Culturali di Oristano; vice presidente è stato designato Stefano Putzolu, attuale vice sindaco, mentre i consiglieri saranno: Giuseppina Manca, espressa dalla minoranza consiliare, Nanni Leoni, indicato dall’associazione Su Cuncordu ‘e su Rosariu, Giambattista Ledda espresso dai primi 5 cori, che hanno aderito alla nascente Fondazione Hymnos.

Concorso letterario di Narrativa e Poesia “CAS 2015”

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Pubblichiamo di seguito le informazioni per partecipare al nuovo “Concorso Letterario Internazionale di Narrativa e Poesia CAS 2015”.

Il  tema per tutte le categorie è libero. Tutti i lavori  devono essere scritti  in lingua italiana o in vernacolo con relativa traduzione.

Saranno premiati i migliori lavori di ogni categoria con premi in denaro, trofei e certificati. Inoltre ci saranno dei premi a sorpresa per lavori ritenuti meritevoli.

Per ulteriori informazioni ed ottenere le norme del concorso telefonare al numero (02) 9801-0116 oppure scaricare il bando dal sito web ufficiale Il Fico D’India.

Il concorso è indetto sotto gli auspici del Consolato Generale d’Italia di Sydney e con il patrocinio di:

  • Istituto Italiano di Cultura
  • La Fiamma
  • Rete Italia
  • My Sat World Media International
  • Alfredo Restaurant
  • West Hoxton Shopping Centre (Di A & G Noiosi)
  • O’hare Funeral Directors
  • Eugenio Casamassima
  • Mario Martino